In previsione della imminente quotazione di Facebook, Fastcompany inizia ad indagare sulla reale consistenza degli utenti attivi e che determineranno il valore di base della quotazione.

Secondo FastCompany 1.78 Million Facebook Users May Die in 2011.

Noi ci lamentiamo dell’invidia giornalistica verso la digital economy ma anche qui in america non scherzano affatto.

Ed in qualsiasi caso perdere un paio di milioni di utenti rispetto agli altri 600 milioni esistenti è veramente poca cosa, teniamo conto che molti sono “morti” anche per ragioni naturali, come infarti ed incidenti.

Il vero tema è la percentuale di attività di quelli ancora in vita, fondamentale per determinarne il valore reale per la quotazione che al momento si attesta attorno ai 90/100 dollari a testa …