Oggi Calabró dell’Agcom l’autorità garante della concorrenza dovrebbe finalmente pronunciarsi su contenuti digitali, webtv ed affini.

Non so come andrà a finire ma ci scommetto che nel mal gestito gioco degli interessi incrociati alla fine prevarrà la multinazionale di turno.

Per fortuna che Apple c’è

🙂